Libri Howard Phillips Lovecraft

Gamesource Staff

Well-Known Member
12 Luglio 2008
16.131
0
48
32
Apro questo thread per parlare dello scrittore di Providence.

Conobbi Lovecraft alle scuole medie leggendo,nel libro di antologia,il suo racconto "L'estraneo" e un altro di cui non ricordo il nome.
"L'estraneo" mi regalò un certo turbine di emozioni.

E' da un bel pezzo che ho comprato il seguente libro:


Tale libro includa praticamente tutta la produzione letteraria(escludendo quindi saggi e sue lettere di corrispondeze personali) di Lovecraft.

Solo pochi giorni fa ho iniziato a leggerlo.
 

Mr. Faz

Member
Staff Forum
1 Febbraio 2010
452
11
7
Davanti a una Playstation
E' un bel po' che non leggo Lovercraft. Interessante il libro che hai trovato, io possiedo molto dello scrittore, ma non credo di avere tutti i romanzi e i racconti. Questi ultimi, intesi come quelle che gli inglesi dell'epoca classificavano come "Short Stories", li ho sempre trovati belli ed appassionanti. Se ti piace lo stile tra l'horror e il fantastico hai fatto un ottimo acquisto, i miei complimenti!
 

Hitoshura

Free will is an illusion
1 Agosto 2008
1.832
4
36
Labyrinth of Amala
Ho letto tutti i suoi racconti tramite l'antologia di G. Lippi proprio ad inizio anno. Che dire, ha avuto delle idee geniali ed ha creato un universo affascinante, dai toni cupi, disperati, in cui la rassegnazione regna sovrana e l'uomo, anche il più intelligente, non è che una marionetta o insignificante dinanzi alle forze cosmiche che "giocano" con la Terra.

Però i suoi mezzi erano quelli che erano e lo stesso Lovecraft ammise a più riprese nelle sue lettere che non riusciva a esprimersi quasi mai come voleva e infatti è vero.
Troppe volte le sue descrizioni risultano ridondanti se non banali, ripetitive se non noiose e questo lo si nota soprattutto nei suoi racconti di tipo onirico (ma non tutti eh, Nyarlathotep per me è sublime ad esempio), in cui sembra a tutti i costi voler trasmettere le sue visioni e non sempre ci riesce e quando lo fa non sempre è eccezionale come lo è nei suoi racconti migliori. Difatti sembra quasi un'involuzione la sua, allo scopo di migliorarsi e perferzionarsi, cerca di strafare, perdendo anche le cose buone che fa. Infatti è nelle sue collaborazioni "primarie" dove si sentiva sollevato dal fardello di mettere il suo nome e quindi "marchio" nei racconti, che si vede che ha tutto ciò che serve per redigere un ottimo racconto e che non è necessario raggiungere la perfezione.

Resta il fatto che le sue idee, il suo concetto di horror cosmico soprattutto, rimangono un qualcosa di veramente ottimo e affascinante, tanto è vero che mi son concesso vari poker di lettura di parecchi suoi racconti se non quasi tutti :amuse:
 
  • Like
Reactions: 1 person

Bahamut Zero

Dreamcaster
9 Settembre 2005
5.472
0
41
33
www.ffonline.it
ammiro e sono affascinato dal pantheon interstellare partorito da Lovecraft ma nel complesso preferisco lo stile narrativo di Poe, più vario per tematiche e più scorrevole nonostante la maggiore ponderazione scientifica delle varie parti del discorso. tuttavia l'ossessività delle tematiche ricorrenti lovecraftiane affascina ed ammorba il lettore più di quanto facessero gli scritti di Poe, perchè non così deliranti. un po' come king, Lovecraft non è un grandissimo autore, ma ha generato un sentimento di inquietudine del quotidiano superiore alle sue capacità artistiche, che peraltro gli è sopravvissuto (vorrei recuperare gli scritti principali del gruppo di autori eredi di HPL)
 

Gamesource Staff

Well-Known Member
12 Luglio 2008
16.131
0
48
32
Sto continuando a leggere il libro e devo dire di aver fatto un buon acquisto.
I racconti di Lovecraft sono dei capolavori.
E' molto interessante il fatto che in alcuni racconti non si capisca esattamente cosa succede,al lettore è lasciata la libertà di sbizzarirsi nel dare un'interpretazione di ciò che accade:ho trovato questo aspetto molto presente nel racconto La musica di Erich Zann.

Non trovo affatto noiose o fuori luogo le particolareggiate descrizioni dei paesaggi.
 

kods

John Macco n°1 Fan
22 Aprile 2008
91
0
3
33
E' un autore che sinceramente trovo un po' "difficile", nel senso proprio di scorrevolezza.
Sono sempre stato affascinato dal pantheon creato da quest'autore, ma paradossalmente quando ho effettivamente comprato un libro di raccolte dei suoi scritti, sono rimasto un po' deluso, tanto che ad un certo punto mi trovavo ad esclamare: "E quindi?".
Ai vari "il richiamo di chtulu", "Nyarlathotep", "La città senza nome", ho preferito racconti come "il cane" o l' "orrore di dunwich".
In particolare quest'ultimo, è decisamente il mio preferito.
 

Bahamut Zero

Dreamcaster
9 Settembre 2005
5.472
0
41
33
www.ffonline.it
i miei preferiti in assoluto sono La maschera di Innsmouth e La cosa sulla Soglia, piuttosto comprensibili solo quando si ha un quadro abbastanza chiaro del pantheon dell'autore, ed in misura minore L'Estraneo. Si ha qui uno dei massimi punti in cui l'elemento onirico compensa alla grande uno stile a volte poco rimarchevole. Bello anche L'Abitatore del Buio, che insieme alla Maschera di Innsmouth è praticamente tutta l'ispirazione dell'horror contemporaneo.
Un racconto svincolato dalla costruzione divina ideata dall'autore è I Topi nel Muro, mette seriamente inquetudine e paura per la sanità mentale di chi legge.
 

federossoblu

Ant of the Sky
8 Gennaio 2010
1.253
9
36
Genova
Ho iniziato oggi "I racconti del Necronomicon" contenente diversi racconti che citano il "libro dei morti" (Necronomicon appunto) inventato da Lovecraft, finito questo mi getterò su "Le montagne della follia".
 

Gamesource Staff

Well-Known Member
12 Luglio 2008
16.131
0
48
32
Sto continuando appassionatamente a leggere i racconti di Lovecraft.
Credo che l'espressione "mostro sacro" possa esprimere ciò che penso dello scrittore di Providence.

Un racconto svincolato dalla costruzione divina ideata dall'autore è I Topi nel Muro, mette seriamente inquetudine e paura per la sanità mentale di chi legge.
Il libro che io possiedo traduce fedelmente il titolo del racconto(in lingua originale The Rats in the Walls):I ratti nei muri.

Che sono sti topi?^^
 

Knukle

Il dimenticatore
8 Aprile 2006
1.007
0
35
31
www.myspace.com
Ho trovato una bella antologia della Mondadori e la sto divorando in questi giorni.

Grandissimo, immenso. Tralasciando lo stile, a volte troppo ridondante e appesantito di aggettivi, Lovecraft era davvero un visionario al di là del suo tempo.
Mi sono letteralmente innamorato del racconto "Il colore venuto dallo spazio", angosciante e misterioso quanto basta.

Sto rimanendo affascinato dal Pantheon mostruoso che è riuscito a tirar fuori. L'invenzione dei grandi antichi anticipia di moltissimo la teoria degli antichi astronauti, famosa negli ambiti ufologici e della scienza di confine. Quando gli altri scrittori horror narravano di fantasmi e castelli stregati, e quando quelli di fantascienza raccontavano di viaggi su marte, Lovecraft sondava l'inconscio umano e il mondo dei sogni, pescandone incubi nascosti nel tempo e nello spazio. Un precursore di un filone nuovo e fino ad allora sconosciuto. Sono queste cose che fanno di un autore un grande autore.
 

Arcangelo

Dark Overlord
5 Settembre 2006
16
0
1
32
Torino
E' da un bel pezzo che ho comprato il seguente libro:


Tale libro includa praticamente tutta la produzione letteraria(escludendo quindi saggi e sue lettere di corrispondeze personali) di Lovecraft.
Anch'io ho comprato da poco lo stesso libro, lo sto leggendo in questi giorni ed è bellissimo, consigliato assolutamente a tutti gli appassionati e a coloro che vogliono approfondire questo immenso autore. L'edizione in questione è decisamente economica (19,90 euro) vista la mole di racconti; bisogna però trattarlo con cura poichè l'unica grossa pecca è la carta molto leggera su cui è stato stampato.

Tra l'altro, non vorrei andare off-topic, ma se siete amanti dei GDR cartacei, provate Il Richiamo Di Cthulhu della Chaosium; è un GDR vecchio stile basato totalmente sui miti e i racconti di Lovecraft. Dovrebbe essere giunto alla 6a edizione, anche se risulta un po' difficile trovarlo essendo un prodotto di nicchia. Esiste anche un regolamento moderno che ha adattato il sistema di gioco al D20, quello del più famoso D&D. Se siete soliti giocare di ruolo e amate Lovecraft, non ne resterete delusi.
 

Virgo Van Valentine

The Pizza Boy
17 Dicembre 2010
680
7
11
30
Oscuri Quartieri Per Gente Perbene
Ho letto tutti i suoi racconti tramite l'antologia di G. Lippi proprio ad inizio anno. Che dire, ha avuto delle idee geniali ed ha creato un universo affascinante, dai toni cupi, disperati, in cui la rassegnazione regna sovrana e l'uomo, anche il più intelligente, non è che una marionetta o insignificante dinanzi alle forze cosmiche che "giocano" con la Terra.

Però i suoi mezzi erano quelli che erano e lo stesso Lovecraft ammise a più riprese nelle sue lettere che non riusciva a esprimersi quasi mai come voleva e infatti è vero.
Troppe volte le sue descrizioni risultano ridondanti se non banali, ripetitive se non noiose e questo lo si nota soprattutto nei suoi racconti di tipo onirico (ma non tutti eh, Nyarlathotep per me è sublime ad esempio), in cui sembra a tutti i costi voler trasmettere le sue visioni e non sempre ci riesce e quando lo fa non sempre è eccezionale come lo è nei suoi racconti migliori. Difatti sembra quasi un'involuzione la sua, allo scopo di migliorarsi e perferzionarsi, cerca di strafare, perdendo anche le cose buone che fa. Infatti è nelle sue collaborazioni "primarie" dove si sentiva sollevato dal fardello di mettere il suo nome e quindi "marchio" nei racconti, che si vede che ha tutto ciò che serve per redigere un ottimo racconto e che non è necessario raggiungere la perfezione.

Resta il fatto che le sue idee, il suo concetto di horror cosmico soprattutto, rimangono un qualcosa di veramente ottimo e affascinante, tanto è vero che mi son concesso vari poker di lettura di parecchi suoi racconti se non quasi tutti :amuse:
Bè signori, che dire: clap clap per questa risposta. Ha detto tutto, t-u-t-t-o :)
Io ho letto ogni sua opera (le colleziono). Proprio ieri ho trovato casualmente, alla Feltri, un fumetto ispirato a diversi suoi racconti. A colori, disegni surreali, edito da MagicPress se non ricordo male. Devo correre a comprarlo.