Libri Sconti bloccati sui libri

bad_hunter

Metroid Hunter
9 Gennaio 2011
4.080
8
36
33
Roma
Avrete sentito tutti la nuova legge che pone un tetto massimo agli sconti da poter applicare a un singolo libro, in caso contrario vi posto questo articolo del fatto:

Meno sconti sui libri = più cultura? | Guido Scorza | Il Fatto Quotidiano

Prima ancora di essere approvata questa legge è stata ribattezzata legge anti-amazon per via del target che andrà a danneggiare e cioè l'e-commerce quello che è il futuro del commercio mondiale, ci toccherà comprare UK anche i libri da adesso?
 

Hyoga94

Member
27 Marzo 2010
482
0
6
E' assurdo. Prima dicono di essere moderni, e poi ci fanno tornare indietro. Non è possibile una cosa simile, e poi è anche stata accettata! Secondo me.. c'è qualcosa sotto.
 

Teocida

Oltreuomo
29 Luglio 2007
3.870
0
35
35
Più che altro la cosa scandalosa è che 'sta legge pare l'abbia votata il parlamento all'unanimità tranne qualche sporadico dissenso.
Personalmente a me cambia poco, dato che mi piace comprarli in libreria i libri e di solito prendendo uscite nuovissime usufruisco molto poco degli sconti, ma ritengo sia comunque una vera fesseria atta solo a salvaguardare gli interessi di un piccolo gruppo di editori, spaventati dal mercato.
 

bad_hunter

Metroid Hunter
9 Gennaio 2011
4.080
8
36
33
Roma
Più che altro la cosa scandalosa è che 'sta legge pare l'abbia votata il parlamento all'unanimità tranne qualche sporadico dissenso.
Personalmente a me cambia poco, dato che mi piace comprarli in libreria i libri e di solito prendendo uscite nuovissime usufruisco molto poco degli sconti, ma ritengo sia comunque una vera fesseria atta solo a salvaguardare gli interessi di un piccolo gruppo di editori, spaventati dal mercato.
La cosa bella è che hanno sempre sbandierato il loro essere pro mercato libero, questa è una legge che nemmeno l'unione sovietica avrebbe approvato.
 

Teocida

Oltreuomo
29 Luglio 2007
3.870
0
35
35
Il loro concetto di mercato libero è buono solo per abbindolare i polli che davvero credono in un liberismo; basti pensare allo scempio condotto nel mercato delle tv e delle sue frequenze da un decennio per capire che il mercato che si ha in motli campi in Italia è drogato per favorire ben poche aziende.

Però che questa legge sia stata approvata da tutti gli schieramenti o quasi fa pensare di parecchio sulla composizione attuale del parlamento italiano, stavolta non è solo colpa dei "soliti noti".
 

Luis

Gunslinger
Staff Forum
4 Novembre 2010
469
5
7
Sardinia
torrenera.blogspot.com
Ci siamo svegliati tardi, la legge è stata approvata già da tempo. Tra l'altro ci son state super-offerte valide fino al 31 agosto (io stesso ieri ho fatto un ordine da amazon di 10 libri lol).
Quello che veramente è idiota di questa legge è che non si favoriranno minimamente le piccole librerie, come sostenuto dai politici, in quanto i grandi marchi ma soprattutto i grandi siti online che acquistano in stock pagano molto meno di una piccola libreria che porta solo 3-4 copie di un libro.
Per il resto rimarranno gli sconti promossi dalle case editrici fino al 25% (per intenderci quelli che di solito avvengono dopo natale e in estate) e altri sconti su libri nuovi per un massimo del 15% mentre sui libri usati e sui libri fuori catalogo gli sconti potranno essere maggiori.
Io penso che comunque sfruttando questa cosa dei libri usati, verrà fuori qualche sotterfugio per fare sconti vantaggiosi :asd:
Ma ciò che conta veramente è che in Italia il vero problema è il costo elevato dei libri, così non si aiuta a diffondere il libro in un paese in cui il cittadino medio legge forse 1 libro all'anno.
 

bad_hunter

Metroid Hunter
9 Gennaio 2011
4.080
8
36
33
Roma
Ci siamo svegliati tardi, la legge è stata approvata già da tempo. Tra l'altro ci son state super-offerte valide fino al 31 agosto (io stesso ieri ho fatto un ordine da amazon di 10 libri lol).
Quello che veramente è idiota di questa legge è che non si favoriranno minimamente le piccole librerie, come sostenuto dai politici, in quanto i grandi marchi ma soprattutto i grandi siti online che acquistano in stock pagano molto meno di una piccola libreria che porta solo 3-4 copie di un libro.
Per il resto rimarranno gli sconti promossi dalle case editrici fino al 25% (per intenderci quelli che di solito avvengono dopo natale e in estate) e altri sconti su libri nuovi per un massimo del 15% mentre sui libri usati e sui libri fuori catalogo gli sconti potranno essere maggiori.
Io penso che comunque sfruttando questa cosa dei libri usati, verrà fuori qualche sotterfugio per fare sconti vantaggiosi :asd:
Ma ciò che conta veramente è che in Italia il vero problema è il costo elevato dei libri, così non si aiuta a diffondere il libro in un paese in cui il cittadino medio legge forse 1 libro all'anno.
Le piccole librerie vengono favorite perchè non avranno un concorrente che farà prezzi stracciati che loro non hanno mai potuto fare; mi chiedo se la legge è valida anche per gli ebook (magari in parlamento non sanno nemmeno cosa sono) e se Amazon la raggirerà spedendo i prodotti dalla Slovenia (molti su ebay fanno così per i supporti ottici).

Altra domanda che mi chiedo e se gli ebook comprati all'estero sono multilingua.
 

Luis

Gunslinger
Staff Forum
4 Novembre 2010
469
5
7
Sardinia
torrenera.blogspot.com
Le piccole librerie vengono favorite perchè non avranno un concorrente che farà prezzi stracciati che loro non hanno mai potuto fare; mi chiedo se la legge è valida anche per gli ebook (magari in parlamento non sanno nemmeno cosa sono) e se Amazon la raggirerà spedendo i prodotti dalla Slovenia (molti su ebay fanno così per i supporti ottici).

Altra domanda che mi chiedo e se gli ebook comprati all'estero sono multilingua.
Ma secondo te guadagneranno davvero le piccole librerie? E' molto probabile che si continui ad acquistare nei supermercati con sconti del 15% o nei siti, che di solito fanno sconti maggiori ma che dovendosi "limitare" al 15% guadagneranno semplicemente di più non essendoci più molta concorrenza con la corsa a chi fa lo sconto maggiore. Io poi nelle piccole librerie sconti non ne ho mai visto se non quelli promossi dalle case editrici stesse, quindi secondo me questa legge non serve a nessuno se non alle grandi catene che avranno maggiori introiti dovendo ridurre lo sconto.
 

Teocida

Oltreuomo
29 Luglio 2007
3.870
0
35
35
In parlamento sanno benissimo cosa sono gli ebook dato che son stati donati (da noi) a natale ai nostri parlamentari un Ipad 64Gb da 800 euro l'uno.
Non so però se la legge vale anche per loro.
 

bad_hunter

Metroid Hunter
9 Gennaio 2011
4.080
8
36
33
Roma
Ma secondo te guadagneranno davvero le piccole librerie? E' molto probabile che si continui ad acquistare nei supermercati con sconti del 15% o nei siti, che di solito fanno sconti maggiori ma che dovendosi "limitare" al 15% guadagneranno semplicemente di più non essendoci più molta concorrenza con la corsa a chi fa lo sconto maggiore. Io poi nelle piccole librerie sconti non ne ho mai visto se non quelli promossi dalle case editrici stesse, quindi secondo me questa legge non serve a nessuno se non alle grandi catene che avranno maggiori introiti dovendo ridurre lo sconto.
Senza grandi sconti molte persone preferiranno scendere di casa a comprare il proprio libro in libreria, considera anche che di solito si paga la spedizione e con i prezzi di listino comprare in rete non sarà più conveniente ma anzi costerà di più.

Secondo me il risultato sarà un calo delle vendite generale che danneggierà tutti, in pratica una coglionata per tenere in vita una casta di zombie.

In parlamento sanno benissimo cosa sono gli ebook dato che son stati donati (da noi) a natale ai nostri parlamentari un Ipad 64Gb da 800 euro l'uno.
Non so però se la legge vale anche per loro.
Quelli l'Ipad al massimo lo usano per giocare ad angry birds, sempre se siano capaci a scaricarlo.

la soluzione è ovvia: i parlamentari italiani non leggono e sono ignoranti, quindi gli frega poco
Nel caso che qalcuno di loro legga guadagnano talmente tanto che l'aumento dei prezzi gli fa una pippa!
 

Jed

k-d-f-werewolf
Staff Forum
3 Luglio 2008
5.770
24
42
35
www.gamesource.it
Io già se fossi di ibs o bol ci piazzerei la bomba a questi vecchi ignoranti e ingordi, ma anche se non fossi di ibs o bol, dato che li uso spesso per acquisti scontati.
ah no, dato che li "usavo".
 

Teocida

Oltreuomo
29 Luglio 2007
3.870
0
35
35
Io già se fossi di ibs o bol ci piazzerei la bomba a questi vecchi ignoranti e ingordi, ma anche se non fossi di ibs o bol, dato che li uso spesso per acquisti scontati.
ah no, dato che li "usavo".
Beh veramente Ibs a quanto pare è favorevole a questa legge. Il presidente della Mauri Spagnol, un gruppo editoriale facente parte delle Messagerie Italiane (che controllano, appunto, anche Ibs) ha detto: "Mi astraggo dal mio ruolo, credo che la legge sia giusta per almeno due buoni motivi. Il primo è che le regole danno forma all’editoria. Non dimentichiamoci che il negoziante ha il diritto di reso all’editore, e non raramente si verificano fenomeni di dumping in un contesto di concorrenza sregolata. Il secondo è che penso che i lettori meritino di essere stupiti. Ttanto ci penserà la rivoluzione digitale a far scendere i prezzi”.

Piuttosto è ovvio che questa legge sia stata fatta principalmente per colpire Amazon, ma non di certo a vantaggio delle piccole librerie che ci guadagneranno poco e nulla. Queste infatti sono dalla notte dei tempi già schiacciate dalle grandi distribuzioni quali Feltrinelli e Mondadori con o senza Amazon; questa legge è fatta in modo tale da salvare proprio questo tipo di distribuzione, chissà per quale motivo :rolleyes:
 

Jed

k-d-f-werewolf
Staff Forum
3 Luglio 2008
5.770
24
42
35
www.gamesource.it
"ci penserà la rivoluzione digitale" sono le ultime parole famose di chi vive in un paese dove chi comanda ha paura di internet