FF VIII Analisi su FFVIII - Perché piace e non piace

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Jeegsephirot

Metal Jeeg Solid
Staff Forum
1) Jeegsephirot ha detto che ho abusato della parola "realistico" senza neanche conoscerne il significato quando, nel suo primo post, abusa chiaramente dell'opzione quote.
e ne abuso di nuovo perchè dopo aver letto questo:

Innanzitutto, vi invito a riconsiderare i vostri punti punti di vista - ce ne vuole per dire che FFVIII non è più realistico, basta guardare il party per notare la differenza tra l'ottavo capitolo e gli altri. C'è chi ha menzionato FFVII, ma non rispondo neanche perché l'affermazione stessa era retorica.
continuo a ribadire che non hai la più pallida idea del concetto di "realistico"
 

Ex-Soldier

Vyse the Legend
Ma secondo quando si parla di videogiochi, nn si può parlare di oggettività o al massimo le uniche cose oggettive possono essere i bug( e nemmeno) il resto è tutto soggettivo, se per uno può essere un capolavoro e per altro una schifezza o per altri è bello ma non come altri nn vuol dire niente, nn c'entra che ci sono magari grandi gruppi di persone che pensano che ff8 sia una boiata o un capolavoro,secondo la mia concezione l'oggettività nei videogiochi non esiste e non si può criticare un pensiero di una persona(che pensa che ff8 sia bello o brutto)e non si deve nemmeno imporre un altro pensiero(sempre bello o brutto :D) e cmq come aveva detto Togawa "Tutto è relativo" :D
E qui torniamo al solito discorso: allora se un Moccia qualsiasi ti emoziona più di un Goethe, vuol dire che il primo può essere paragonato al secondo?
Suvvia, esistono i metri di giudizio che aiutano :)
 

Zanna

Mamoru Takamura
In risposta allla frase di Togawa "tutto è relativo" seguita da un laconico "me cojoni" (mi pare doveroso segnalarlo vista l'interpretazione estremamente faziosa che alcuni utenti ne hanno voluto fare a supporto delle loro tesi votate ad un più che comprensibile "volemose bene"), e all'ennesimo (nonchè masochista) tentativo braccobaldico di Ex-Soldier di portare questa discussione su binari già ampiamente percorsi, volevo solo spendere due parole su una virtù che oramai è merce rara e che non si insegna sui banchi di scuola: l'onestà intellettuale.

L'onestà intellettuale è la capacità di esprimere un giudizio critico al di là dei gusti personali, del proprio background culturale e sociale, e al di là delle proprie credenze religiose o politiche.

Guardando a ritroso, ho come l'impressione che qualcuna (ma forse anche tutte e tre, chi lo sa) tra queste categorie di persone che hanno preso parte al topic trincea "Oggettivamente parlando, FF VIII ci ha un po' sfibrato gli zebedei?" ne sia leggermente sprovvisto:

I malefici e logorroici Braccobaldi, che si aggiravano per il forum pronti ad azzannare alla giugulare l'utenza indifesa in nome di un ortodossia dei jrpg mai scritta (ma dicono loro praticata), manco fossero gli unici custodi delle sacre tavole dei gdr?
I pastori di bimbominkia, che diversamente dal solito non hanno seguito la grande transumanza, e una volta spariti i famelici braccobaldi hanno lasciato anche loro mestamente la scena vedendo vanificata ogni loro utilità?
Oppure gli stessi bimbominkia, a differenza dei loro protettori sempre onnipresenti e pronti a entrare a piedi uniti in una questione di cui non si vuol leggere/comprendere il titolo (ma nemmeno la discussione stessa a dire il vero) e che hanno più o meno la stessa mietezza che potrebbe avere un branco di piranha una volta percepito l'odore del sangue?

Ai posteri l'ardua sentenza.
Da parte mia colgo l'occasione per citare (con affetto si intende) l'autore del topic in una delle sue più famose e apprezzate esternazioni nel famigerato e mai del tutto estinto thread dal flame perpetuo:

"Chi se ne frega"

Tanto alla fine, tutto è relativo :D

p.s. si avvisa la gentile clientela, qualora non se ne fosse accorta, che per seguire il trend anche questo post abbonda di "realismo" :cool:
 

Strife90

mezzo-demone
Mi pare più che giusto fossilizzarsi su un videogioco uscito parecchi anni fa spendendo parte del proprio tempo nell'esprimere concetti triti,ritriti ed inconcludenti da cui,si sa, non se ne verrà mai a galla.
 

Xabaras89

See through Dreams
Ex-Soldier ha detto:
E qui torniamo al solito discorso: allora se un Moccia qualsiasi ti emoziona più di un Goethe, vuol dire che il primo può essere paragonato al secondo?
Suvvia, esistono i metri di giudizio che aiutano
è anche vero che indipendentemente da tutto non c'è bisogno di paragonarli, è possibile giudicare qualcosa prendendo in considerazione solo la cosa stessa senza tirare in ballo altro (e questo non la rende chiaramente esente da difetti), ma in pratica non si ha certo bisogno di paragonare il Faust a Tre Metri sopra il Puccio per rendere Goethe più importante, e viceversa dubito che a chi piaccia Tre Metri sopra il Puccio importi qualcosa di rivaleggiare con Goethe :D
Questo aiuta molto di più di certi metri di giudizio che in altri contesti (esempio la musica) complicano semplicemente la vita

Mobius ha detto:
Molto strano... anche quando si propone un'analisi alternativa si finisce con la solita discussione random dal

L'obiettivo qual era? Spiegare perché FFVIII piace ad alcuni. Cosa abbiamo ottenuto? La solita discussione monotona.
beh ma con presupposti simili mi pare ovvio, non si può spiegare in modo analitico perchè qualcosa piaccia o meno, non in questo modo comunque.

L'intento era quello di mostrare come, al contrario di quanto alcuni pensano, sia possibile avere un'ottima considerazione di FFVIII. E' inutile tirare in ballo i soliti pesi e le solite misure quando si propone una tesi alternativa ai normali canoni di misurazione dei GdR.
Ok, mi dispiace ma la misura è colma.
Qualcuno chiami Keith Richards con il codice della fratellanza dei gdr così lo consultiamo e facciamo parlè
anche se ho come il sospetto che essendo il significato di gdr "gioco di ruolo" non si troverà nulla riguardante i jrpg, che sono cosa ben diversa come già detto e ripetuto

un ultimo appunto:

Bahamut Zero ha detto:
il problema è che il tuo pensiero sull'oggettività è in realtà soggettivo, quando ci sono parametri oggettivi per la definizione di capolavoro e parametri oggettivi che definiscono l'oggettività e attribuirli a FF8 è oggettivamente una braccobaldata, mentre soggettivamente ognuno me compreso ha il diritto di apprezzarne i pregi senza essere disgustato dai difetti che pure oggettivamente ci sono.
questo è oggettivamente il post più bello del mondo dopo l'epico "minonna" di tanto tempo fa

e a conti fatti, giunti già alla fatidica quarta pagina, mi chiedo: è necessario continuare questa discussione qui quando è evidente che si è sempre sugli stessi argomenti di "Oggettivamente ecc. ecc."? No perchè io a quel topic oramai ci sono affezionato, tanto valeva continuare la :D

In tutta serietà mi sento di dovervi ringraziare tutti quanti per avermi permesso di assistere (e discutere in prima persona) di un videogame con toni cospiratori degni di massoneria e p2 :D se continuiamo così secondo me analizzando FF8 riusciamo a scoprire dove sta Bin Laden, l'ingrediente segreto della cocacola e la verità sull'omicidio di JFK
 

squall9218

Nuovo utente
il problema è che il tuo pensiero sull'oggettività è in realtà soggettivo, quando ci sono parametri oggettivi per la definizione di capolavoro e parametri oggettivi che definiscono l'oggettività e attribuirli a FF8 è oggettivamente una braccobaldata, mentre soggettivamente ognuno me compreso ha il diritto di apprezzarne i pregi senza essere disgustato dai difetti che pure oggettivamente ci sono.
LOL, il tuo ragionamento nn fa una grinza:), ma che sono ste braccobaldate? o_O
 

Selphie89

Apprendista Summoner
Il forum esiste ed è quindi giusto esporre nuove teorie sul gioco,anche se fosse di 100 anni fà,altrimenti cosa dovremmo fare per non "fossilizzarci"?Dovremmo chiudere lo spazio dedicato a Final Fantasy VIII?Perchè,anzichè dire sempre la solita cosa (ossia "abbiamo già parlato di questo" ) non proponete voi altri qualcosa di alternativo e di interessante??Mobius ha fatto una sua analisi,che magari potrebbe non essere oggettiva per qualcuno,ma aggredirlo in questo modo...."Ne abbiamo già parlato e straparlato",bene ,"e ne perleremo e ne ristraparleremo ancora per molto" dico io.Per non parlare della storia dei Braccobaldi...Quello è un capolavoro,altro chè!Ah,e l' "onestà intellettuale"?Obiettivamente parlando FF VIII non è un granchè,ecco l'onestà intellettuale,ossia giudicare qualcosa al di là della propria forma mentis...Interessante,davvero molto interessante....
 
Uff... purtroppo non ho potuto partecipare alla discussione fin dall'inizio, quindi perdonatemi se mi metto a ripetere qualcosa di già detto e ridetto (in queste 4 pagine, i mean... e si, siete troppo lunghi e pesanti per leggermi tutto, sono un tipo impegnato io, che credete?! >__>").

L'unica verità assoluta (a parte quella che schiatterete tutti quanti, prima o poi) è che non esistono parametri di giudizio "Oggettivi", poiché nel già voler porre qualcosa in oggettivo, esso diventa "Soggettivo".
Possiamo dire "col senno di poi FFVIII non era poi 'sto gran ché", ma vuoi per gli argomenti presentati, vuoi per i personaggi, vuoi che per questo o per l'altro, FFVIII, almeno in Europa, ha sbancato eccome (anche per via del fatto di essere il primo FF localizzato).
E, personalmente, sarà per l'influenza di Evangelion in quel periodo (che non so voi, ma secondo me Anno e Saka hanno presentato gli stessi personaggi XD), ma a me, a suo tempo, è piaciuto eccome.
Quindi, soggettivamente parlando, non ritengo, ORA, assolutamente un capolavoro FFVIII, ma è in grado, questo gliene dò atto, di piacere, e pure parecchio.
L'analisi fatta da Mobius poteva essere errata, poco chiara in alcuni punti e posta in modo assolutistico, il che pone già male il 3ad, ma l'idea era buona.
E' vero quello che dice Selphie89, se ne è parlato e straparlato ma se ne continuerà a parlare.
In fondo teniamo conto che di 3ad dedicati a Cloud-Aeris-Tifa ne abbiamo avuti ben 3, e tutti hanno superato le 60 pagine di discussione (si, magari i titoli intendevano altro, ma tanto sempre su quello cadevamo a parlare XD), quindi non c'è da stupirsi se su FFVIII si continueranno ad aprire discussioni.
L'unica mia nota, che spero sia solo una mia impressione, è quella di mantenere placidi gli animi, che a mio avviso sembrano iniziare a scaldarsi un pò.
Ma, come ho detto, spero sia solo una mia impressione ^^
Per tutto il resto, Love&Peace \°D°/
 

Zanna

Mamoru Takamura
Il forum esiste ed è quindi giusto esporre nuove teorie sul gioco,anche se fosse di 100 anni fà,altrimenti cosa dovremmo fare per non "fossilizzarci"?Dovremmo chiudere lo spazio dedicato a Final Fantasy VIII?Perchè,anzichè dire sempre la solita cosa (ossia "abbiamo già parlato di questo" ) non proponete voi altri qualcosa di alternativo e di interessante??Mobius ha fatto una sua analisi,che magari potrebbe non essere oggettiva per qualcuno,ma aggredirlo in questo modo...."Ne abbiamo già parlato e straparlato",bene ,"e ne perleremo e ne ristraparleremo ancora per molto" dico io.Per non parlare della storia dei Braccobaldi...Quello è un capolavoro,altro chè!Ah,e l' "onestà intellettuale"?Obiettivamente parlando FF VIII non è un granchè,ecco l'onestà intellettuale,ossia giudicare qualcosa al di là della propria forma mentis...Interessante,davvero molto interessante....
Quanta acidità per nulla :icon_cry:
Oltretutto stai prendendo fischi per fischi, perchè personalmente appartengo a quella minoranza dell'utenza che considera più degni di esistere (al di là dei possibili flame) topic del genere rispetto ad altri come quelli sottolineati da Link.

Quanto all'onestà intellettuale, non è certamente frutto del giudizio che si desidera esprimere, ma verte su solide basi su cui dovrebbe poggiarsi un parere spoglio da preconcetti.

Se proprio devo essere franco, non nutro alcun dispiacere nel non appartenere a quel genere di persone che considerano impossibile da apprezzare o persino adorare un qualsivoglia prodotto (in questo caso un videogioco, FF VIII) pur con tutte le sue lacune, tanto è vero che da parte mia non ho mai sostenuto il contrario nemmeno in altre e ben più infuocate sedi, e allo stesso tempo posso tirare un sospiro di sollievo nel sapere di non essere nemmeno uno di quei relativisti che considerano assurdo (o braccobaldico?) provare a fare una analisi minimamente critica comparando uno o più oggetti simili per darne un giudizio che sia più obiettivo possibile, e che anzi pensano (o meglio, vista la giovane età potrei dire si illudono) di poter analizzare con un minimo di lucidità un oggetto, un opera o un prodotto prendendola per quella che è senza avere mezzo confronto con altri modelli.

Alla luce di tutto questo il mio precedente post era volutamente ironico e allo stesso tempo autoironico (difficile da cogliere a quanto pare, ancora di più se si preferisce entrare a gamba tesa senza aver capito minimamente il senso complessivo dell'intervento), poiché nel calderone non mi pare di aver risparmiato nessuno, tantomeno me stesso e il partito braccobaldico di cui dovrei essere uno dei primi tesserati (sempre che la memoria non mi inganni).
Lo dico perchè questo topic non è altro che una continuazione di un altro ben più celebre, con la differenza che Mobius vorrebbe provare a portare il confronto guardandolo da una prospettiva diversa, e questa volta su un punto in particolare sono anche daccordo con lui (quello riguardante il background del giocatore), mentre su tutto il resto la vedo in modo dissimile.

Concludo dicendo che l'ironia non era volta a mandare in vacca il topic, semplicemente ho trovato e continuo a trovare tragicomico tentare un confronto non tanto su posizioni e opinioni diverse, quanto su di un terreno che di comune (visto anche lo sviluppo di questo topic) non ha assolutamente nulla.
 

balthier88

lo zio ferra
allora, causa pc rotto non ho letto tutta la discussione e non ne ho la minima voglia, rispondo solo con un lacoonico "ma chissene frega...!" se ti piace bene, se non ti piace amen, a me ai tempi divertì, adesso col senno di poi lo considero abbastanza spazatura paragonata ad altri esponenti del genere, ma questo non importa a nessuno, perchè ci sarà sempre chi lo amerà o lo disprezzerà fino alla morte, con buona pace della gente che si scanna nei forum.
 

Filos85

Member
Tu si che sai come argomentare in modo costruttivo!!
Ad ogni modo credo che la questione così posta da Mobius sia di tutto rispetto ma se la memoria non m'inganna è anche questo un punto di vista già trattato nell'altro più celebre topic.
Insomma lì è stato detto il tutto ed il contrario di tutto.
 

Selphie89

Apprendista Summoner
Scusa Zanna,non volevo essere acida,devo aver frainteso.E' normale che si possa giudicare anche obiettivamente,ci sono dei parametri che lo permettono.Quello che a me da un pò fastidio sono i commenti del tipo "c'era già l'altro topic",ma dico io,che commenti sono??Se il topic fosse stato inutile o una perfetta imitazione di un altro, i moderatori l'avrebbero già chiuso,invece no,evidentemente perchè l'argomento è già stato affrontato,sì,ma qui viene riproposto in una maniera diversa!E' chiaro che ognuno la pensa come vuole,ci mancherebbe altro,ma penso che questo Mobius già lo sapesse,solo che lui ha proposto la sua analisi,gli altri sono liberi di proporre la loro,è anche interassente discuetere e leggere le varie teorie,no?
 

Dragoon88

collezionista
allora, causa pc rotto non ho letto tutta la discussione e non ne ho la minima voglia, rispondo solo con un lacoonico "ma chissene frega...!" se ti piace bene, se non ti piace amen, a me ai tempi divertì, adesso col senno di poi lo considero abbastanza spazatura paragonata ad altri esponenti del genere, ma questo non importa a nessuno, perchè ci sarà sempre chi lo amerà o lo disprezzerà fino alla morte, con buona pace della gente che si scanna nei forum.
In queste poche righe Balthier88 ha espresso quello che volevo dire, non ho nient'altro d'aggiungere.
 

Togawa

Not Available
non dico molto ma cerchiamo almeno di definire questo realismo, che sicuramente non è lo stesso che io ho in mente lol
Da uno che ignora il concetto di sospensione dell'incredulità pretendi l'impossibile.

L'unica verità assoluta (a parte quella che schiatterete tutti quanti, prima o poi) è che non esistono parametri di giudizio "Oggettivi", poiché nel già voler porre qualcosa in oggettivo, esso diventa "Soggettivo".
E se la questione fosse un'altra? Ovvero, anche ammettendo che una cosa possa definirsi oggettiva, siamo sicuri che tutti la sappiano vedere e riconoscere?

Dettagli vari.
Onestamente, il fatto che una cosa piaccia non la nobilita in alcun modo. In una qualsivoglia comunità le idee egualitarie e democratiche andranno sempre per la maggiore (quieto vivere), eppure questo non le rende vere a prescindere, esistono diversità abissali tra una persona e l'altra, e ciò determina che ci siano delle gerarchie in ogni campo: esistono cioè persone più portate, dotate di una particolare intelligenza e della necessaria competenza, che stanno effettivamente sopra le altre in quello o in quell'altro ambito, e che quindi vanno ascoltate con maggiore attenzione. Non sono infallibili, è vero, ma è quanto di meglio ci sia, e nelle varie comunità tali persone vengono riconosciute quasi naturalmente (il discorso è generalizzato, se ci fate caso questo forum non fa eccezione).
Sull'esperienza in senso lato, non riconoscerne (o addirittura svilirne) la rilevanza nell'economia di una discussione è da imbecilli acritici: per quanto ingegno abbiate è inutile senza un adeguato background (è il motivo per cui ci sono insegnanti da una parte e alunni dall'altra, eh^^). Più grande è l'esperienza, maggiore sarà il peso delle affermazioni di chi la possiede, sempre che a tali affermazioni faccia seguito un minimo di capacità analitica.

Sfatiamo dunque 'sti benedetti tabù: non siamo tutti intelligenti allo stesso modo, il non rendersi conto della bontà o della mediocrità delle altrui opinioni è ottusità (cioè mancanza di intelligenza), e appellarsi al "de gustibus" significa credere in un pluralismo intellettuale totalizzante che è semplice utopia. L'uguaglianza non esiste e non esisterà mai (magari fossimo tutti uguali nella competenza in fatto di Musica, magari...).

L'onestà intellettuale è la capacità di esprimere un giudizio critico al di là dei gusti personali
Zanna ha signorilmente centrato il punto: la prospettiva eterodossa di Mobius è fallata alla radice perché si basa su premesse - le opinioni hanno sempre tutte pari dignità, le gerarchie non esistono, l'esperienza accumulata in un determinato campo ha importanza marginale - incompatibili col concetto stesso di Critica. Addirittura si è cercato di estraniare l'oggetto in questione (FFVIII) dal suo genere di appartenenza, pur di nobilitarlo in qualche modo. Manco fosse possibile riconoscere le qualità e le debolezze congenite di un prodotto senza un'adeguata contropartita.
Eppure, a sentir parlare Mobius, sticazzi il confronto tra due videogiochi! Ogni videogioco fa storia a sé, ogni videogioco è bello a mamma sua. Nulla è scontato e quindi tutto può essere messo in discussione, anche nei modi più subdoli: basta negarlo (mi viene in mente quel reiterato "[inserite uno stilema a caso della categoria JRPG] è inutile ai fini di quest'analisi", roba da far cascare le palle).

Il suo è solo un tragicomico non sequitur derivato dal fastidio di pensare che ci possa essere qualcuno che ne sappia di più, tutto qui.^^
(E per inciso, se a me una cosa piace per le scoregge e i rutti, scusatemi tanto, non ci apro un thread con la pretesa di risultare credibile.)
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top