Varie My first FIC

Ayrin

Stormborn
Ecco il nuovo capitolo!!
Mi aspetto consigli e critiche!! :)


Capitolo 11


Il loro aggressore era legato ad un albero e nonostante le minacce non aveva aperto bocca.
"Che facciamo lo lasciamo qui?" chiese Dag.
"Si, se sarà fortunato qualcuno lo troverà, è inutile attardarci oltre. Tanto non parlerà." Detto questo Beatrix si girò per riprndere il cammino e il resto del gruppo la segui'. Dorilay chiudeva la fila insieme a Erion e proprio dopo aver fatto pochi passi senti' il prigioniero parlare:
"Lo senti vero? Quel richiamo dentro di te?".
Dorilay si girò di scatto e in un attimo era di nuovo davanti all'uomo, stiletto alla gola:
"Che cosa hai detto?!?Ripeti?!?""
Gli occhi del'uomo sembravano come offuscati e alla parole della ragazza scosse la testa e sbattè le palpebre, come se si stese svegliando in quel momento e la fisso' impaurito senza capire.
Erion la allontanò dall'uomo:
"Che cosa ti prende??"
"Non hai sentito?" adesso era lei ad essere spaventata.
"Io non ho sentito niente"
"Ha parlato ne sono sicura !!" ma la sua voce era incerta, Erion le sorrise:
" Lo avrai immaginato, questa pineta è piena di rumori...Dai raggiungiamo gli altri".
Lei lo segui' poco convinta, Il mago invece sembrava molto sereno, quasi la infastidiva:
"Cos'hai tanto da sorridere?" gli chiese mentre camminavano.
Lui sembrò imbarazzato dalla domanda:
"Niente niente...solo..." Erion cercò qualcosa da dire, ma non gli venne in mente nulla, in verità era semplicemente contento perche l'astio che Dorilay dimostrava nei suoi confronti sembrava sparito, ma si sarebbe sentito uno sciocco a dirle una cosa del genere.
"Solo... cosa???" Insistette lei
"Niente ho detto!! Sono contento che nessuno si sia fatto male contro quel drago, va bene?"
Lei lo guardo scettica, poi dopo un pò disse:
"Comunque, è merito tuo se lo abbiamo sconfitto...grazie".
"Ma che dici io non ho fatto nulla!! Sei stata tu a mettere fuori gioco l'uomo!"
" Si, ma solo perchè me lo hai suggerito tu" Erion non le rispose e di nuovo le sorrise facendola irritare . Quel sorriso la infastidiva davvero, forse anche più di quegli strani occhi verdi, infatti accellerò il passo lascindolo indietro. Sentiva sulla sua schiena lo sguardo perplesso del ragazzo ma cercò di non badarci e si mise al fianco di Dag.
Nessuno parlò più finchè non arrivarono ad un bivio.
"Non ci siamo mai inoltrati cosi' tanto in questa pineta, dove doremmo andare adesso?" Chiese Lily
Non arrivando risposta da nessuno parlò Dag:
"Sapete dove trovare la Maga Agata, vero?" chiese rivolto hai genitori.
"Sarà lei a trovare noi " disse infine Steiner.
"Ci accamperemo qui" aggiunse Beatrix. e cosi' dopo un po' erano tutti seduti intorno ad un fuoco
"Avete già incontrato la maga Agata?" Chiese Erion a Beatrix.
Lei sembrò indecisa se rispondere o no all fine disse:
"Si, è stato molto tempo fa. Lei ci aiutato a trovare un luogo sicuro dove crescere i nostri figli, portandoci in questa pineta..." Erion intui' che c'era ancora molto da dire ma non volle insistere. Si alzò quindi e si andò a sedere vicino a Dorilay sperando che non lo allontanasse di nuovo, ma lei continuò a fissare le fiamme con indifferenza.
"Volevo darti questo" le disse lui tirando fuori il ciondolo luminoso :
"E' tuo."
Lei lo guardò e prese l'artefatto dalle mani del ragazzo, se lo rigirò tra le mani per un po' poi lo diede di nuovo ad Erion:
"In realtà non lo voglio, non so perchè l'ho rubato, è come se questo oggetto mi abbia chiamata..." Disse chiedendosi perchè si stava confidando proprio con lui.
Erion la fissava serio, le prese la mano e vi posò nuovamente l'artefatto:
"A maggior ragione deve essere tuo, se ti ha chiamata vuol dire che è a te che vuole appartenere" Dorilay chiuse la mano attorno all'oggetto e la ritrasse dalla presa del ragazzo:
"Come preferisci" Rispose distogliendo lo sguardo.
Poi tutti balzarono in piedi sorpresi, in mezzo a loro c'era un ragazzo apparso dal nulla, era bello e delicato come una ragazza, i capelli biondi , quasi bianchi erano lunghi fino alle spalle, gli occhi erano grigi e freddi e una voce tagliente disse loro:
"Seguitemi, la mia signora vi sta aspettando".


Vi sta piacendo??
C' è qualcosa che cambiereste???
Cosa non vi piace???
Ditemi cosa ne pensate, please!! :)
Grazie!!
 

Beleth

Member
Cid89 ha detto:
molto bella e intrigante, non ne leggevo di così buone da molto tempo :) Aspetto un seguito!!
non ci sono parole difficili, in ogni caso :p

davvero stupenda e molto avvincente!! U.U ora sono supercuriosa!!!sei bravissima!

Una cosa che non mi è piaciuta moltissimo è stato quel "non fare un fiato" che hai scritto due volte... Si può dire? Non lo so, forse sì... However, non mi piace molto^^ Forse "non fiatare" è meglio :)
Magari sono io pazzo, eh...

(ma no, tu NON sei PAZZO!!!) in effetti non sò se esiste..mmm...

Attedo il sequel, gli spin off, gli artbook, il prequel, il gioco per cellulare e il mappamondo autografato
sìssì io voglio il gioco per il cellulare *O*!!!! e anche le statuette dei personaggi XD
 

Beleth

Member
Ayrin ha detto:
Che bello!! Grazie!! :) Un'altra fan!!! :)
Ora mi ingegno per creare qualche gadget... :D
Evviva!!! così poi posso giocarci come con i soldatini!!! Thanks!! (mi raccomando anche i peluches in formato gigante!! :D)
davvero bella la storia XD
 

Ayrin

Stormborn
JonSnow ha detto:
Sempre bella questa fic...continua cosi'...:)
Garzie mille!! :)


Capitolo 12


Il silenzio incombeva su di loro come un macigno mentre seguivano quel ragazzo dalla bellezza inquietante tra la vegetazione. Camminava con tale grazia che sembrava fluttuasse e i suoi occhi gelidi avevano lasciato tra il gruppo un atmosfera di timore.
Erion si sentiva teso e spaventato ma a vincere su le sue emzioni era soprattutto la curiosità: stava per incontrare quella che lui aveva sempre creduto un personaggio leggendario! Era pieno di aspettative e di speranze.
La Maga li avrebbe aiutati a svelare i segreti celati dietro l'Artefatto? e avrebbe saputo interpretare la strana luce sprigionata da Dorilay la sera del furto?
Il cammino gli sembrò fin troppo lungo.
Poi infine la loro guida si arrestò di fronte ad un albero molto grande.
Spiccava tra gli altri per via delle sue dimensioni ma anche per il colorito delle foglie, tendente al rosso. Erion si accorse che anche i suoi compagni erano perplessi e curiosi da quella sosta strana ed improvvisa.
Poi il ragazzo busso tre volte sulla corteggia dell'albero e canticchiò una strana nenia. La sua voce fu accompagnata dal fruscio del vento che scosse le fronde dell'albero, poi sotto lo sguardo attonito di tutti una porticina di legno comparve sul tronco e venne aperta con naturalezza dal giovane che fece cenno al suo sbigottito seguito di seguirlo all'interno dell'albero.
Si trovarono cosi' a scendere per una lunga e stretta scalinata a chiocciola per poi finalmente arrivare in una grande stanza circolare dove una figura li aspettava dando loro le spalle...
"Ce ne avete messo di tempo ad arivvare!" Disse una buffa vecchietta talmente bassa e talmente cicciotta da sembrare quasi sferica.
"Mi toccherà riscaldarvi la cena!"
"Maga Agata è una grande gioia per me riincontrarvi!"
Disse Beatrix facendosi avanti e rispondendo alla silenziosa domanda che i quattro ragazzi si erano posti:
Quella era proprio la fantomatica Maga Agata.
"Su su, bando alle formalità, la cena è pronta e io ho un certo appetito , parleremo a tavola" detto questo la corpulenta Maga fece loro strada fino ad un'altra stanza, sottostante la precedente e sempre di forma circolare dove li attendeva una tavola imbandita.
"E cosi siete impossesso di uno degli Artefatti" Disse improvvisamente la Maga durante la cena, senza che nessuno l' avesse precedentemente informata.
"Come fate a saperlo?" chiese Dorilay
"Mia giovane ragazza, alla mia età si sa quel che si deve sapere"
La risposta non era molto esauriente ma nessuno la contestò, e la vecchia addentando l'ennesimo cosciotto di pollo seguitò:
"E' davvero un peccato che il Re e la Regina di Alexandria non siano qui con noi sarebbero molto felici di incontrare la ragazza, non credi Steiner?"
Steiner sussultò.
La ragazza? Che si riferisse a Dorilay?
La Maga sorrise bonariamente e continuò:
"Ormai sono 17 anni da che La regina Garnet spari' dal castello senza lasciare traccia, e sono 17 anni che Don Aster siede al trono di Alexandria" disse sospirando.
Erion conosceva la storia: 17 anni prima un viaggiatore era arrivato nelle pacifiche terre di Alexandria. I suoi intenti sembravano innocui e cosi' venne ospitato al castello dove iniziò la sua attività di ricercatore. Cosa cercasse non si seppe mai, ma dopo poco tempo i Reali di Alexandria sparirono e Il viaggiatore, Don Aster prese il potere.
"Il vento mi ha parlato di mutamenti" disse ancora La Maga:
"Sapevo che sareste venuti da me, quello che siete destinati a fare non è facile, ma con il mio aiuto riuscirete a trovare gli altri artefatti..."
Un sussulto generale travolse la tavola.
"Trovare tutti gli Artefatti?!" Chiese Dag allarmato.
"Proprio cosi'! vanno trovati tutti! E presto! La clessidra del Tempo ha già iniziato a correre veloce.
Il primo Artefatto ha già chiamato a se il prescelto, presto anche altri si metteranno in gara per il potere, solo voi potete scongiurare il peggio!
Non c'è più tempo per i dubbi!
Cosa volete fare?
Combatterete?"
 

Ayrin

Stormborn
greenja91 ha detto:
wow!!!! Fantastico!!! Non vedo l'ora che posti il prossimo...complimenti 6 davvero bravissima
Grazie mille!!! :)
Sono contenta che ti piaccia sul serio!! :)
Se c'è qulache critica o cosiglio che vuoi darmi non esitare...:)
Grazie ancora!!
 

Beleth

Member
Ayrin ha detto:
Garzie mille!! :)


Capitolo 12


Il silenzio incombeva su di loro come un macigno mentre seguivano quel ragazzo dalla bellezza inquietante tra la vegetazione. Camminava con tale grazia che sembrava fluttuasse e i suoi occhi gelidi avevano lasciato tra il gruppo un atmosfera di timore.
Erion si sentiva teso e spaventato ma a vincere su le sue emzioni era soprattutto la curiosità: stava per incontrare quella che lui aveva sempre creduto un personaggio leggendario! Era pieno di aspettative e di speranze.
La Maga li avrebbe aiutati a svelare i segreti celati dietro l'Artefatto? e avrebbe saputo interpretare la strana luce sprigionata da Dorilay la sera del furto?
Il cammino gli sembrò fin troppo lungo.
Poi infine la loro guida si arrestò di fronte ad un albero molto grande.
Spiccava tra gli altri per via delle sue dimensioni ma anche per il colorito delle foglie, tendente al rosso. Erion si accorse che anche i suoi compagni erano perplessi e curiosi da quella sosta strana ed improvvisa.
Poi il ragazzo busso tre volte sulla corteggia dell'albero e canticchiò una strana nenia. La sua voce fu accompagnata dal fruscio del vento che scosse le fronde dell'albero, poi sotto lo sguardo attonito di tutti una porticina di legno comparve sul tronco e venne aperta con naturalezza dal giovane che fece cenno al suo sbigottito seguito di seguirlo all'interno dell'albero.
Si trovarono cosi' a scendere per una lunga e stretta scalinata a chiocciola per poi finalmente arrivare in una grande stanza circolare dove una figura li aspettava dando loro le spalle...
"Ce ne avete messo di tempo ad arivvare!" Disse una buffa vecchietta talmente bassa e talmente cicciotta da sembrare quasi sferica.
"Mi toccherà riscaldarvi la cena!"
"Maga Agata è una grande gioia per me riincontrarvi!"
Disse Beatrix facendosi avanti e rispondendo alla silenziosa domanda che i quattro ragazzi si erano posti:
Quella era proprio la fantomatica Maga Agata.
"Su su, bando alle formalità, la cena è pronta e io ho un certo appetito , parleremo a tavola" detto questo la corpulenta Maga fece loro strada fino ad un'altra stanza, sottostante la precedente e sempre di forma circolare dove li attendeva una tavola imbandita.
"E cosi siete impossesso di uno degli Artefatti" Disse improvvisamente la Maga durante la cena, senza che nessuno l' avesse precedentemente informata.
"Come fate a saperlo?" chiese Dorilay
"Mia giovane ragazza, alla mia età si sa quel che si deve sapere"
La risposta non era molto esauriente ma nessuno la contestò, e la vecchia addentando l'ennesimo cosciotto di pollo seguitò:
"E' davvero un peccato che il Re e la Regina di Alexandria non siano qui con noi sarebbero molto felici di incontrare la ragazza, non credi Steiner?"
Steiner sussultò.
La ragazza? Che si riferisse a Dorilay?
La Maga sorrise bonariamente e continuò:
"Ormai sono 17 anni da che La regina Garnet spari' dal castello senza lasciare traccia, e sono 17 anni che Don Aster siede al trono di Alexandria" disse sospirando.
Erion conosceva la storia: 17 anni prima un viaggiatore era arrivato nelle pacifiche terre di Alexandria. I suoi intenti sembravano innocui e cosi' venne ospitato al castello dove iniziò la sua attività di ricercatore. Cosa cercasse non si seppe mai, ma dopo poco tempo i Reali di Alexandria sparirono e Il viaggiatore, Don Aster prese il potere.
"Il vento mi ha parlato di mutamenti" disse ancora La Maga:
"Sapevo che sareste venuti da me, quello che siete destinati a fare non è facile, ma con il mio aiuto riuscirete a trovare gli altri artefatti..."
Un sussulto generale travolse la tavola.
"Trovare tutti gli Artefatti?!" Chiese Dag allarmato.
"Proprio cosi'! vanno trovati tutti! E presto! La clessidra del Tempo ha già iniziato a correre veloce.
Il primo Artefatto ha già chiamato a se il prescelto, presto anche altri si metteranno in gara per il potere, solo voi potete scongiurare il peggio!
Non c'è più tempo per i dubbi!
Cosa volete fare?
Combatterete?"
*O* ...(senza parole)...in senso positivo ovvviamente...continua così :fingh:
 

greenja91

Member
Ayrin ha detto:
Grazie mille!!! :)
Sono contenta che ti piaccia sul serio!! :)
Se c'è qulache critica o cosiglio che vuoi darmi non esitare...:)
Grazie ancora!!
mi è sembrato ci fosse qualche ripetizione ...mentre per il resto va benissimo
 

DarkVincent

Ta'Veren
Beh... che dire........ è semplicemente fantastica...... hai veramente un buon stile di scrittura..... è anche "veloce", "scorrevole"........ Neanche troppo semplice come trama...... Cosa che mi piace parecchio è la maggioranza di descrizioni ai dialoghi, cosa che in molte Fic non si vede, con un buon ritmo....... davvero molto brava.........

PS: (dimmi un po', non è che ti è venuta voglia di scrivere questa Fic dopo aver letto un libro di Martin?? Perchè a me è successo così..... http://forum.ffonline.it/showthread.php?t=15857..... Appena mi verrà di nuovo voglia posterò nuovi episodi..... solo che l'ispirazione va e viene......)

PPS: un consiglio..... finchè hai l'ispirazione scriviti tutti gli episodi, perchè poi se ti passa l'ispirazione la Fic naufraga, come ha fatto la mia che su un punto cruciale ho smesso a scrivere per mancanza di ispirazione.... (non mi uscivano più le frasi per scriverla, e tuttora non mi riescono....)
 
Top